L’ossessionante bellezza nell’essere un Esteta!

Sei attratto da tutto ciò che è bello?

Ami guardarti allo specchio per esser sempre al top, impeccabile e curato su ogni tuo dettaglio?

E’ più forte di te far cadere l’occhio e, porre attenzione sugli accostamenti e gusti nel vestire altrui?

Rimani incantato davanti alle vetrine delle boutique di alta moda?

Sei particolarmente sensibile a luci, colori e suoni?

Se la risposta a queste domande è SI, è bene che tu sappia allora, di essere un perfetto esteta!

Non è una malattia sia chiaro, bensì una caratteristica di chi, come noi, vive la bellezza quotidianamente, senza soste ne pause, fa parte di noi da come apriamo gli occhi la mattina fino a chiuderli la notte.

Cari amici, nel post di oggi vorrei porre alla vostra attenzione questa caratteristica che è peculiare nel Gentleman  odierno,  raffinatezza nei gusti e particolare sensibilità verso ogni forma di bellezza.

Ma forse non sapevate che…

Essere un esteta!

…deriva da “Estetismo”!

Cenni storici :

Nasce alla fine dell’800 come movimento artistico e letterario, l’Estetismo era composto da due correnti di pensiero, quella tendenzialmente filosofica e quella morale.

Tale movimento, nel corso degli anni, ebbe forti contraddizioni, in quanto l’ascendente filosofica non trovava riscontro con quella morale.

Infatti, se nell’estetismo morale prevaleva il culto per la forma esteriore, il godere la vita e la socialità,  nell’estetismo filosofico la bellezza non poteva prescindere dalla virtù.

Ciò creò due forme di ammirazione per la bellezza ed il godere di essa stessa :

  • L’artista, che cercava di trasformare la propria vita in un opera d’arte, vivendo al limite della moralità e, nella costante ricerca del piacere, che il comune mortale non poteva;
  • L’esteta vero e proprio che sdegna e schifa ogni forma di volgarità, i ceti inferiori, chi trae piacere dalla vita sociale e si circonda di ricchezza oggettiva, tanto da doversi isolare in solitudine, circondandosi esclusivamente d’arte, e godendo della sola sua bellezza.

Nel corso degli anni questo movimento e corrente di pensiero è andata scemando.

Oggi, infatti, l’esteta assume un significato molto più ampio, definibile come segue :

“chi trae, da un’accurata e raffinata educazione del gusto alla bellezza, una norma di vita e di comportamento che lo conduce ad un superiore dilettantismo intellettuale, alla ricerca di sensazioni squisite, e anche a un’eleganza estrema di vita, di abbigliamento, di espressione e di comportamento”


Con questo concetto si chiarisce un aspetto fondamentale, non limitatevi alla sola e mera curiosità, al solo osservare, bensì approfondite la vostra sensibilità. Non c’è forma piu intensa di estetismo se non la cultura.

La conoscenza vi permetterà di elevarvi a ciò che con tanto amore vi soffermate ad ammirare ed adorare, la bellezzaconsentendovi di capirla ed apprezzarla così come essa stessa vorrebbe!

Di seguito un esempio prettamente estetico di Gentlemen che incarnano il significato di Esteta!

Professione…Influencer!

…casualmente nel dicembre del 2015 mi imbatto nell’articolo di un ragazzo che racconta di come era riuscito a trasformare il suo profilo instagram , da semplice amatore del social network, in una figura professionale quale l’Influencer.

Ammetto non sapessi neppure il significato di quel termine, figuriamoci in che consistesse.

Come per un colpo di fulmine, quell’articolo cambiò totalmente il mio vecchio profilo Instagram, banale, scarno, privo di contenuti, facendomi diventare ciò che oggi è una delle mie passioni ed hobby più grandi…essere un Influencer.

Ma chi sono questi benedetti influencer e cosa fanno di preciso.
Come il termine stesso suggerisce, gli Influenzatori non sono altro che persone dal notevole seguito, capaci di influenzare, appunto, le masse.
Per darvi un idea chiara dell’effetto e, del potere che oggi giorno hanno queste figure, vorrei farvi un esempio molto semplice, immaginate se un Cristiano Ronaldo pubblicasse sul suo profilo Instagram una foto dove indossa un nuovo ed innovativo modello di scarpe del noto brand Nike , immaginate quanti milioni di fan in tutto il mondo vorrebbero emulare il noto calciatore, acquistando quel modello, ciò si concretizzerebbe in milioni di incassi per la Nike stessa…
Forse per voi questo esempio è banale ma in realtà non lo è affatto perchè è esattamente cio che centinaia di persone ogni giorno compiono su Instagram, pubblicizzare qualcosa e, quel qualcosa o qualcuno, ha sempre e solo da guadagnarci, sia in termini di pubblicità che economicamente parlando.
In realtà se vi fermate non è proprio una novità, perchè prima si faceva già tramite le pubblicità televisive per esempio.
La bellezza ed il fascino riposto in questo lavoro sta nel fatto che la Nike, citando l’esempio precedente, non ha bisogno di spendere fior di quattrini in pubblicità televisiva, più pagare il nostro caro Cristiano Ronaldo, decide quindi di fare una scelta decisamente più forte, semplice ed azzeccata ed è, facendogli pubblicare sul suo profilo instagram la foto con indosso le scarpe…
Avete una sola vaga idea della differenza rispetto alle vecchie pubblicità…è enorme, il messaggio arriva direttamente dal calciatore, è lui che di suo pugno esegue tutto ciò, per cui è umano, abbatte la freddezza della pubblicità ed arriva direttamente a tutti i suoi fans!
Non trovate tutto ciò meraviglioso, geniale…non vi vengono i brividi all’idea di diventare un social media influencer?…certo non diventerete come Cristiano Ronaldo ma il mondo dell’advertising è talmente vasto che c’è davvero posto per tutti.

Ecco io nel famoso dicembre 2015 rimasi proprio così…affascinato!

Vi domanderete ok, ma PER LA BARBA DI ENRICO tu non hai un seguito ne una notorietà di quel tipo! È vero…ma come detto sopra, il mondo della pubblicità è enorme, ogni azienda spende centinaia di migliaia di Euro in pubblicità….

e sapete nel mondo quanti Influencer esistono?

tanti ma non tantissimi…

Pensate ora ad una cosa, se ogni Influenzatore avesse non meno di 50 mila seguaci, fedeli ed affidabili, che in lui si rispecchiano per una serie di motivi, io azienda entro in contatto con 50/100 di essi, ciascuno pubblicizza il mio articolo e di conseguenza ogni follower vede ciò…quanto tempo pensate che io impieghi a diventare noto? La pubblicta si sparge a macchia d’olio nel giro di pochissimo tempo…il potere di divulgare e far conoscre un capo, un azienda, un accessorio tramite queste figure è semplicissimo, dal potere incredibile e soprattutto RAPIDO!

Tornando alla mia esperienza, iniziai a leggere decine e decine di articoli, iniziando a capire e studiare queli fossero le strategie, e i meccanismi da adottare per ottenere nuovi seguaci.
Tante ma tante notti le passai sveglio, provando i fatidici e tanto noti # Hashtag, pubblicando foto in continuazione.
Raggiunsi i primi 10 mila followers iniziai a ricevere le prime richieste di collaborazione…la mia gioia era alle stelle, dicevo che bello finalmente!
Dal semplice papillon fatto a mano dall’eccentrico artista, per arrivare agli orologi del noto brand Daniel Wellington.
Più crescevo più ricevevo richieste.

Vorrei concluedre dicendovi che sono felicissimo di aver letto quell’articolo anni fa perchè è davvero divertente, un lavoro che ti consente di conoscere tantissimi talenti, creare sinergie che durano anni generando tante soddisfazioni…ricevere sms di persone che ti chiedono consigli mi riempie di gioia.

P.S. nella sezione Collaborazioni e Partnership potrete vedere alcuni dei miei risultati come Social Media Influencer tramite Instagram!

 

A tutti coloro che fossero curiosi
e avessero intenzione di
diventare un social media
Influencer potete scrivermi
una semplice mail.

 

per la barba di Enrico vi augura una buona giornata…

Build House

Build House è sinonimo di duro lavoro, la casa dove costruire il proprio benessere oltre ai propri muscoli!

Rappresenta la fusione di due grandi atleti uniti in una visione comune di palestra. La palestra come luogo in cui si suda, ci si sacrifica, dove non c’è tempo per chiacchiere da bar o mostrare l’ultimo completino firmato, dove quei 10 secondi di recupero in più non sono concessi, dove se vuoi, riesci! Insomma, una visione probabilmente dimenticata dalla maggior parte delle persone.

Gianpietro e Mario sono i due atleti che hanno creato questa splendida realtà nella città di Sassari.

Una vita dedicata allo sport a 360° passando per varie discipline quali calcio, palla a mano, body building e rugby, per poi unire la loro grande visione, che da semplice concetto e desiderio nato nel 2014, diventa una realtà ad aprile 2017.


Conosciamo i due atleti nello specifico :

Gianpietro Giudice nato a Bono, classe 1979.
Appena 14enne quando inizia la sua lunga carriera nel Body Building, allenandosi nella palestra del suo paese natale.
A 19 anni prende il suo primo brevetto a Roma come istruttore.
Gli obblighi di leva non gli impediscono di coltivare la sua passione, allenando e seguendo i suoi compagni d’arma nella palestra messa a disposizione dall’aeronautica.
Nel 2001 si trasferisce a Sassari per gli studi universitari.
Frequenta la storica palestra Sport Studio Olympia, nota proprio per la sua serietà essendo per veri amatori della ghisa, conoscendo così i più grandi Body Builder isolani.
Li incontra Mario, che gli trasmette l’emozione e passione per il rugby. Gianpietro si iscrive, quindi, al Club Rugby Sassari rivestendo il ruolo di tallonatore pilone.
In quegli anni si consolida definitivamente la loro amicizia.
Il periodo che va dal 2009 al 2012 è legato alle grandi soddisfazioni come powerlifter , vincendo 6 titoli assoluti e 3 in squadre, da lui stesso preparate, nelle distensioni su panca, più comunemente note come bench press.
2011, 2013, 2014 e 2016 sono gli anni che segnano la carriera di Gianpietro come BodyBuilder, che lo vedono partecipare a gare importanti quali il “Ludus Maximus” e il “Seccarecci Classic” a Roma, posizionandosi sempre tra i primi posti.


Mario Onorato nato a Sassari, classe 1979.
A 16 anni inizia giocando a calcio e poi a pallamano.
Dal 2000 al 2006 gioca nel Club sassarese Rugby Sassari, rivestendo il ruolo di seconda lineaterza linea.
Questo sport gli ha permesso di conoscere il Body Building per cause di forza maggiore, legate alla preparazione atletica che necessita di grande lavoro e sforzo muscolare. Si allena nella palestra Sport Studio Olympia prima, dove conosce Gianpietro e, Body Heattly poi.
Il rugby segna definitivamente il suo carattere dimostrandosi una scuola di vita.
Dal 2006 al 2016 si trasferisce e vive a Milano dove consegue un Master Universitario sul Managment delle attività sportive e, contemporaneamente lavora come personal trainer ed istruttore nella palestra Get Fit Milano, definita come la più grande realtà del Fitness di tutto il nord Italia.
Lui si definisce : “uno sportivo innamorato dello sport con al vertice della piramide il rugby”.


Gianpietro e Mario concretizzano il loro sogno alla fine del 2016 predisponendo, allestendo e lavorando sodo per la realizzazione di una realtà unica nel suo genere.
Inaugurano nel 2017 la Build House a Sassari in Via Predda Niedda strada 28.

Per info visita la loro pagina Facebook o chiama al 347 455 7208

Ilenia Secchi Barber

Come per tantissimi barbieri anche Ilenia Secchi approcciò al mondo della barberia in maniera totalmente casuale ed inaspettata.

Era un giorno come tanti del 2015 quando un rappresentante le propose di partecipare ad un corso sulla barberia vedendo l’enorme richiesta e ritorno a questo antico mestiere.

Per gioco e curiosità partecipò al corso inconsapevole che quella esperienza le avrebbe significativamente cambiato la vita.

Lame, rasoi, schiuma da barba e panni caldi hanno conquistato la giovane parrucchiera aprendole la strada verso tutto ciò che è il trattamento dell’uomo, da sempre fino ai giorni nostri.

Carattere, stile e tanta personalità caratterizzano questa giovane barber nel suo Salun Salun a Ossi in periferia di Sassari.


La nostra collaborazione nasce per puro caso…

…ho conosciuto Ilenia ad un Barber Contest tenutosi a Sassari nel 2016, io ero uno dei giudici dell’evento, preposto a giudicare e controllare minuziosamente le abilità dei barbieri nei vari tagli a cui erano chiamati ad esibirsi.

Notai subito l’adrenalina nei suoi occhi, l’unica barber donna a partecipare per cui l’emozione era tanta e giustificata.

Ciò non offuscò la sua concentrazione permettendole di rientrare fra i tre vincitori del contest portandosi a casa un bagaglio di esperienza e pubblicità notevole.

Dopo una chiacchiera e l’altra decisi di andarla a trovare nel suo Salone per sistemare la barba e capelli, mi trovai benissimo, capacità e accoglienza come se quel mestiere le scorresse nelle vene da sempre, decidemmo di collaborare assieme visto il feeling instaurato.

La collaborazione continua…

 

 

 

Jeansda

Jeansda

Nel 2008 Aki e Ken creano il blog “JeansTalk Kings Pass” per registrare i loro jeans preferiti, gentili, non inventati e quasi assurdi.

Volevano creare una grande marca di jeans consapevoli del valore attribuito nel mercato orientale che era pari a zero.

Si dimettono dall’industria elettronica originale, rientrano nella città natale Kaohsiung e ripartono da zero per inseguire il loro bellissimo ma irrealistico sogno.

Decidono di utilizzare solo la parte superiore del materiale, quella più pesante del processo produttivo, modificando così lo stile della sartoria orientale nonchè l’integrazione di elemaneti innovativi e dei concetti classici di progettazione.

JEANSDA è il risultato finale, rappresentante un marchio di alto livello nella jeanseria, come il nome di grandi Re capace di soddisfare le esigenze di ogni consumatore.